ORTODONZIA

DIFFERENZA TRA ORTODONZIA TRADIZIONALE E INVISIBILE

L’ortodonzia studia le anomalie legate alla posizione dei denti per correggerle, riallineando gli elementi dentali di una o entrambe le arcate. Si migliorano così estetica, masticazione, respirazione, ma anche i problemi posturali correlati.
Le soluzioni oggi disponibili sono due: una tradizionale e una cosiddetta “trasparente” .



L’ortodonzia tradizionale

Nell’ortodonzia tradizionale si può impiegare un apparecchio fisso o mobile, a seconda delle esigenze. Il primo è fissato ai denti tramite placchette metalliche (brackets), collegate tra loro da fili ed elastici e rimosse dallo specialista al termine del trattamento. Questa tecnica prevede controlli periodici in cui si valuta se cambiare le legature, in modo da riallineare i denti aumentando progressivamente la trazione.
Gli apparecchi mobili possono invece essere tolti e indossati liberamente dal paziente. Di solito sono impiegati nella prima infanzia e per consolidare i risultati dopo la rimozione di un apparecchio fisso.


L’apparecchio trasparente

L’apparecchio trasparente utilizza mascherine dette “aligner”, prive di componentistica metallica, che risultano quasi invisibili. Ogni 15 giorni vengono sostituite con altre che hanno “in memoria” un nuovo movimento da far realizzare ai denti.
Con  questa tecnologia  grazie a un software di simulazione in 3D, è possibile vedere in anticipo il risultato finale e seguire il graduale spostamento dei denti.

A priori è impossibile dire quale tipo di ortodonzia sia migliore: ogni disallineamento dentale va sempre considerato come un caso a sé e la base della perfetta riuscita di un trattamento consiste nell’individuare la tecnica migliore da applicare sul singolo paziente.
Tutto dipende dal tipo e dalla gravità della malocclusione: i disallineamenti di maggiore entità necessitano di ortodonzia tradizionale e talvolta anche chirurgica; i problemi più lievi possono essere senz’altro affrontati con successo mediante l’apparecchio trasparente, con i vantaggi estetici che esso comporta.

Un’altra differenza tra ortodonzia tradizionale e invisibile è che con la prima lo spostamento dei denti avviene nei primi 3 mesi di applicazione dell’apparecchio, mentre con la seconda le entità di forza sono molto meno intense e gli spostamenti avvengono progressivamente durante tutto il trattamento ortodontico che dura in media un anno e mezzo.
Nel caso di pazienti molto giovani, soprattutto con l’apparecchio invisibile, è essenziale la piena collaborazione, perché l’apparecchio funziona al meglio solo se viene portato 22 ore su 24 ogni giorno, e tolto unicamente per mangiare.

ClinCheck® mostra i movimenti dentali previsti nel corso del trattamento, così puoi vedere l’aspetto previsto per i tuoi denti alla fine del trattamento di ortodonzia trasparente prima ancora di iniziarlo.

Sorridi in piena liberta! Da noi il consulto con l’odontoiatra non ti costa nulla. Potrai sottoporti in tutta tranquillità alla prima visita di controllo e farti consigliare il piano di cura più indicato per le tue esigenze senza impegno, una serenità in più per te e la tua famiglia.
invisaling

Questo sito utilizza cookie, anche di profilazione di terze parti e di analisi, per facilitare l’accesso al sito stesso, per garantire il suo funzionamento tecnico e per analizzare in maniera aggregata le visite al sito stesso. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sui cookie e modificare le relative impostazioni clicca qui