IN FORMA CON STARBENE

Patologie in età avanzata

In Forma con Starbene

20 Maggio 2017 - ore 8.45
Conduce Tessa Gelisio
In onda su CANALE 5
Relatore dott.ssa Enrica Durval - odontoiatra esperta in implantologia e protesi
Per vedere tutta la puntata di starbene del 20 maggio clicca qui.

In studio con Tessa Gelisio alcune persone in età avanzata pongono domande al medico per la loro igiene dentale.
Nel confronto tra il medico e gli interlocutori vengono toccate alcuni delle principali tematiche relative alle patologie in età avanzata: le protesi fisse e mobile, gli impianti, una corretta igiene orale e molto altro ancora.
Paura del dentista? Sottoporsi ad un intervento dentistico può risultare incredibilmente traumatico per molti individui. Al fine di ovviare a questo problema, DentalPro ha inserito in tutte le sue cliniche la “sedazione cosciente”, molto utile anche nei bambini sopra i 5 anni di età.
E’ un'innovativa tecnica introdotta in Italia negli ultimi anni e consiste in una miscela di Ossigeno e Protossido d'Azoto, che mira alla completa sedazione del paziente. Il paziente percepisce una piacevole sensazione di leggerezza e di completo benessere, pur rimanendo perfettamente cosciente.

APPROFONDISCI


protesi su impiantiImplantologia anche in tarda eta'? L'età avanzata non è un vincolo per procedere con una operazione chirurgica di implantologia, non è necessario rassegnarsi alla dentiera. Sono altri i fattori di salute generale che potrebbero essere problematici in sede di valutazione come ad esempio l'osteoporosi.

La protesi di Toronto è una soluzione fissa, avvitata agli impianti, indicata per la riabilitazione di arcate totalmente edentule, cioè quando si è verificata la perdita di tutti i denti su una o entrambe le arcate dentarie*.
* Se sussistono le condizioni cliniche ritenute necessarie dall’odontoiatra per effettuare il trattamento. APPROFONDISCI


Denti cariati? Controlli frequenti consentono di prevenire la formazione di carie.
A presciendere dall'età del paziente si cerca di preservare il dente e, qualora la lesione cariosa raggiunge la polpa dentale, procedere con la devitalizzazione del dente. Una volta rimosso il tessuto pulpare interessato, il dente viene ricostruito ed eventualmente protetto da una corona, in modo da preservarlo il più a lungo possibile. Solo nel caso in cui la situazione è molto aggravata si consiglia l'estrazione del dente.

APPROFONDISCI


Questo sito utilizza cookie, anche di profilazione di terze parti e di analisi, per facilitare l’accesso al sito stesso, per garantire il suo funzionamento tecnico e per analizzare in maniera aggregata le visite al sito stesso. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sui cookie e modificare le relative impostazioni clicca qui